Contro gli specialisti. Sinapsi inedite per essere protagonisti

People Contro gli specialisti. Sinapsi inedite per essere protagonisti

Nell’ultimo numero del nostro quaderno Weconomy abbiamo chiesto all’autore e saggista Giuliano da Empoli una sua opinione sulla rivoluzione Cross nel Management. In questo articolo la sua visone del Management Umanista.

sintesi

Abbiamo creduto a lungo che il progresso camminasse sulle spalle di Manager sempre più specializzati, di tecnici infallibili, di algoritmi lunghi quanto “Guerra e Pace”. Poi è arrivata la crisi finanziaria del 2008 e ci siamo resi conto di una cosa: gli esperti avevano imboccato una strada senza uscita. A furia di chiudersi in scatole sempre più piccole, si erano persi la dinamica d’insieme. Un po’ come gli indiani della barzelletta, chiusi nella stanza al buio con un elefante. Chi afferra la proboscide e pensa che sia un serpente, chi scambia le zampe per un tronco, chi misura le orecchie o la coda, ma nessuno, proprio nessuno che riesca a farsi un’idea dell’animale nel suo insieme.

Da allora, è tornata alla ribalta la capacità di creare passerelle, di aprirsi a esperienze diverse, di cogliere segnali deboli. In una parola, di uscire dalle scatole, anziché infilarcisi sempre più a fondo. I nuovi umanisti sono Manager, scienziati, imprenditori che amano stare sulla frontiera tra i saperi e le discipline, perché hanno capito che quello è il luogo dal quale si distinguono meglio i contorni dell’elefante. In tutti i settori è sempre più raro che l’innovazione scaturisca da un’unica scatola: solo le squadre multidisciplinari, che integrano competenze diverse e generano sinapsi inedite, producono la scintilla che serve per essere protagonisti nel nuovo scenario. Non è una regola valida solo per Apple, Pixar e i laboratori dei neuroscienziati. È ciò che vediamo intorno a noi, in tutti i comparti, perfino i più tradizionali, dall’artigianato all’agricoltura.

D’altra parte, è una legge di natura: le monocolture vengono spazzate via dai mutamenti climatici; gli organismi più adattabili tirano fuori risorse inaspettate, cambiano schema, riscrivono le mappe. Non si limitano a tirare a campare: inventano mondi nuovi nei quali sentirsi di nuovo a casa. Alla metà del XIV secolo, l’Umanesimo è nato a Firenze dalla crisi finanziaria e dalla peste. Quando Petrarca e Boccaccio si sono resi conto che la vecchia cultura scolastica, fatta di dogmi e di compartimenti stagni, non riusciva più a dare risposte agli interrogativi dell’epoca.

Oggi chiamiamo crisi ciò che non conosciamo. Eppure, perfino in Italia – dove ce la portiamo dietro da vent’anni – la crisi è fatta di luci e di ombre. Di Aziende che crescono e di Aziende che chiudono. Di chi continua a provarci e di chi si è rassegnato a contenere i danni. Pensare di uscirne è un’illusione. La crescita magari tornerà, ma quella che chiamiamo crisi è in realtà la nostra nuova casa. L’habitat nel quale dovremo abituarci non solo a sopravvivere, ma a costruire un futuro prospero, creativo, appagante. Le vecchie certezze, i confini impermeabili e i manuali delle istruzioni non torneranno più. Ma i nuovi umanisti sono quelli che pensano che, tutto sommato, sia meglio così.

Articolo tratto dal Quaderno #7 “Management: cross, self, content? Vuoi scaricarlo gratis? Clicca qui

(immagine di Valeria Crociata, art senior Logotel)

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18844

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.