I talenti? Si trovano in

Companies I talenti? Si trovano in "casa"

Cosa è il talento? E dove lo si trova? Mentre si continua a parlare di come sia giusto individuare talenti e trattenerli in Italia per non subire la fuga di cervelli, ecco una riflessione su employer branding, sui talenti che si trovano in “casa” e di quanto sia importante scovarli e dare loro la giusta opportunità.

sintesi

Henri Frederic Amiel disse: “Fare agevolmente ciò che riesce difficile agli altri, ecco questo va chiamato talento.
Nell’accezione corrente con “ talento” si definisce un’abilità dai tratti straordinari, che connota in maniera singolare un individuo. Si ritiene che a un grande talento debba seguire una carriera garantita e sia caratteristica esclusiva di personalità famose, artisti, pittori, cantanti, manager con aloni catarifrangenti protagonisti su teatri di grandi aziende e industrie multinazionali ecc.Vi è poi nell’immaginario collettivo la convinzione che il talento “dote” speciale, debba essere scoperto in giovane età per coltivarlo con impegno facendolo germogliare nei tempi utili al successo di chi lo possiede.
Dal punto di vista di persone di buon senso, il talento è piuttosto un’energia creativa che vive dentro di ognuno di noi che se lasciata libera, e poi canalizzata verso obiettivi individuati, porta ogni persona alla sua piena e spontanea realizzazione.

Il talento è quindi da ritenersi un patrimonio alla portata di tutti che non riguarda capacità speciali ma l’attitudine a seguire il proprio vero saper essere e saper fare, portando l’individuo alla piena auto-realizzazione.

In molte culture antiche il talentocoincideva con il “daimon” (il demone), il destino o il genio ispiratore, cioè una capacità innata che forniva all’uomo l’intuizione, il coraggio, la determinazione a espletare compiti che altri non volevano prendere in attenzione per paura o per umiltà.
Nello scenario di oggi in  molti convegni, seminari, spesso in televisione, sentiamo parlare  di come sia giusto individuare talenti e  trattenerli in Italia per non subire la cosiddetta “fuga di cervelli”. Il tema, conseguente a queste riflessioni con altre valutazioni, porta  all’attenzione delle Aziende del nostro Paese quel concetto che si definisce l’“employer branding”.

Oggi il discorso sui talenti si dibatte fra talentismo o talentuosità con poca chiarezza dando origine a puerili generalizzazioni… Tuttavia, proviamo ad approfondire: chi è o chi possiamo considerare un “talento”? Il talento è proprio di chi è capace di produrre valore, un valore che garantisca eccellenza, soluzioni distintive, creative, capaci di stupire, una sorta di deus ex machina che comprende in poco tempo la situazione ed interviene in modo risolutivo.

E da qui sorge il dubbio: un talentuoso può essere  considerato anche  geniale? Sono convinta che ci siano persone dotate di talento e geniali… impressionanti nel loro agire e l’azienda che le possiede può assistere al miracolo di vederle concentrate a riportare al successo, con velocità, intuizione e valore aggiunto, situazioni passive, critiche, fallimentari.

 

Nella quotidianità secondo me i talenti sono un’altra cosa. Possiamo definire talento chi è capace di raggiungere, nel suo lavoro, gli obiettivi assegnati, nei tempi e nei modi concordati. Il talento è della persona che lavora con serenità, dimostrandosi affidabile appassionata coinvolta sempre da un’eticità indiscutibile che regola il suo stare con gli altri e con gli altri condivide il suo talento. È talentuosa la persona che ha voglia di crescere, che è ambiziosa ma non arrivista, che è disponibile senza chiedere in cambio particolari riconoscimenti. Una volta compreso chi possiamo considerare un talento, poniamoci un’altra domanda: i talenti in azienda servono a renderla e a mantenerla, competitiva nel tempo? E se le Aziende non possiedono talenti?

Le Aziende hanno molti più talenti di quanto il management a volte possa pensare, sono già in azienda, basta soltanto cercarli, individuarli, scoprirli, offrirgli le giuste opportunità. Come? Colui che si pone l’obiettivo di portare alla luce i Talenti nella sua azienda, dovrà coinvolgerli, colloquiare con loro, ascoltarli e in un certo senso anche spiarli da lontano, studiarli in diverse dinamiche del loro operare. Così facendo si renderà conto che quello che andava  faticosamente e dispendiosamente cercando all’esterno, è già dentro  “in casa” con il valore differenziale che quelle persone dotate  con talenti non ancora conclamati, conoscono molto bene  la  sua  Azienda e magari ci hanno speso i migliori anni della loro vita  senza che nessuno se ne accorgesse…

Articolo pubblicato sul Quaderno #6 di Weconomy.
Per scaricarlo basta un click qui

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18855

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.