Un nuovo paradigma per il management postfordista

Economy Un nuovo paradigma per il management postfordista

La produzione di valore, nel paradigma emergente postfordista, propone nuovi modi di vivere e lavorare che si basano su produzione interattiva e condivisione di senso. Ne parla Enzo Rullani in questo post sul Content Management.

sintesi

Sono passati quarant’anni da quando, negli anni settanta, siamo diventati orfani del fordismo. Prima di allora avevamo  un paradigma di riferimento forte e preciso: quello della grande organizzazione che impone la sua razionalità manageriale – efficiente, stabile, inclusiva – al sistema economico e sociale in cui vive, coinvolgendo i diversi stakeholders in un percorso di crescita dell’efficienza produttiva e del reddito distribuito. Ce lo ricordiamo ancora.
Tutto ruotava intorno alla straordinaria produttività della grande fabbrica. Il Management posto al centro del sistema era anch’esso parte di una logica sistemica che “routinizzava” le innovazioni, programmava gli eventi, rendeva sostituibili le persone. Poi, da un giorno all’altro, tutta questa costruzione è venuta giù. L’imprevista esplosione della complessità che interviene negli anni settanta mette in evidenza quello che, negli anni della golden age, era rimasto nell’ombra: l’impossibilità di rendere semplice, programmabile e governabile a comando il mondo (reale), in cui accadono eventi imprevisti e si agitano passioni che il marketing non riesce a catturare. Lo Stato che diventa postfordista cessa di programmare, il consumatore desidera diventare infedele, la concorrenza esce dalle maglie del controllo.
Il Management postfordista si trova in questo modo immerso nell’ambiguità, perché è costretto a mettere insieme i contrari: è orizzontale, ma anche verticale; è locale, ma anche globale; è integrato ma anche decentrato; mette insieme centri e periferie.
Il Management, subendo questa metamorfosi, si ri-personalizza, perché solo le persone sono in grado di gestire la coesistenza degli opposti. Ma questo postfordismo degli ossimori non è un paradigma nuovo, definito in positivo: semplicemente è uno spazio di libertà in cui possiamo negare la saggezza convenzionale e provare a fare qualcosa di nuovo. Ma non si può procedere “a vista” reinventando metodi e soluzioni passo per passo. Il pragmatismo dell’adattamento continuo non ci fornisce la rotta da seguire nel lungo periodo. La crisi 2007-14, che ci ha precipitato in uno stato di ansia, ce lo suggerisce: l’idea del Management post-fordista non basta più.
Se cerchiamo di guardare in positivo i nuovi modi di produrre valore che emergono dalla transizione attuale, possiamo dire che due siano i principi chiave del paradigma emergente, che propone un nuovo modo di vivere e di lavorare:
a)    la produzione interattiva, on demand, realizzata mobilitando filiere sempre più estese e diversificate;
b)    la condivisione di senso, tra i molti attori che co-producono il valore, assumendo impegni e rischi comuni.
La produzione interattiva, on demand, nasce oggi dalla potenza delle reti digitali che ci hanno portato a vivere e lavorare in un unico villaggio globale, facendo implodere le distanze. La conoscenza distribuita implica per l’Impresa e per il Management la gestione tra le differenze e i diversi punti di vista di un sistema sempre più vasto e articolato,superando l’idea della produzione di massa.
La condivisione di senso si riferisce, invece, all’interazione tra persone che, andando oltre i problemi tecnici e di efficienza, si traduce in forza creativa, producendo significati, contenuti e ambienti condivisi, che vengono ad essere una importante fonte di valore, riconosciuta dalle parti in causa.
A questo fine, il nuovo paradigma richiede che si dia mano alla costruzione di un futuro comune, in base a progetti condivisi, a investimenti e impegni che ciascuno sceglie di assumersi. Prendono in questo modo corpo, nel nuovo paradigma, le comunità di senso, ossia soggetti collettivi che condividono alcune idee motrici sul modo di vivere e di lavorare con contenuti di qualità.
È sulla base di queste idee che viene assegnato valore a certe cose, distribuendo i costi e gli investimenti da fare, in funzione di impegni e rischi condivisi. Il Management aziendale e l’imprenditorialità individuale acquistano in tal modo profili etici e semantici di spessore, che possono coinvolgere altri soggetti, fino a diventare il lievito che alimenta lo sviluppo di progetti collettivi, fatti propri dalla società nel suo insieme.
(Articolo pubblicato sul Quaderno #7 dal titolo “Management: Cross, Self, Content” scaricabile qui)

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18847

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.