Progettare connessioni

People Progettare connessioni

Un'alleanza è possibile: Making e Design tra artigianato e impresa.

sintesi

La grande attenzione di questi anni al lavoro artigiano è legata alla possibilità di connettere il “saper fare” a un contesto economico e sociale che non è il semplice perimetro della bottega.

Il termine “artigiano” è diventato molto di moda nella sua versione inglese, “maker”. La parola italiana, effettivamente, porta ancora con sé un che di “polveroso”, legato alla nostra cultura che associa il termine a un passato in qualche modo ingombrante, del quale c’è chi dice dovremmo addirittura disfarci. Oggi, dall’America, dalla Francia, dai Paesi del Nord Europa, ci arriva una sorta di richiamo all’ordine: italiani, in casa avete un tesoro.

Sotto la pressione di questi stimoli (il “making” legato alle nuove tecnologie e ai processi di open design nell’accezione americana, o il design artigiano di lusso nel resto d’Europa), anche nel nostro Paese stiamo iniziando a capire che c’è qualcosa di importante e di fortemente innovativo nel fare artigiano. Sempre di più, oggi, ci rendiamo conto di come pensare e fare siano due dimensioni intimamente collegate.

Due sono però i pregiudizi che complicano il nostro pensare all’artigianato come un qualcosa di nuovo, fresco e innovativo. Il primo equivoco sta nell’inesorabile associazione di idee tra il concetto di “artigiano” e quello di “piccola” o addirittura “micro” impresa. Diciamolo: è un problema nostro. Per fare un esempio, Patrick Thomas, CEO di Hermes, ha recentemente reclamato sui media la propria identità di “artigiano contemporaneo” con 3 miliardi di euro di fatturato. L’altro tema è l’opposizione tra lavoro artigiano e innovazione d’industria, tradizionalmente concepiti come qualcosa di nettamente (e fisicamente) separato. Non è (più) così: questi elementi sono molto più saldamente fusi tra loro di quanto si creda. Per dirne una, l’artigiano veneziano che fa una fortuna costruendo chiavi su misura in una minuscola e deliziosa bottega può essere connesso all’importante operatore della metallurgia giapponese che gli fornisce grandi quantità di un filo di titanio ad alta tecnologia.

Se c’è un’alleanza possibile è proprio questa: abbiamo bisogno di progettare nuova connettività, di offrire ad artigiani e makers contemporanei nuove opportunità, nuove connessioni fino a poco tempo fa impensabili con l’industria, con la ricerca, con il design, con il consumatore finale. Connessioni che forse non hanno ancora un nome ben preciso ma che gravitano dentro e intorno a ciò che chiamiamo “internet”. Casi globali come Etsy.com o locali come GarageDesign.it rappresentano snodi di nuove filiere alle quali non siamo ancora abituati, ma che diventeranno presto motori di un nuovo modo di organizzare l’innovazione, la produzione e il rapporto con la domanda, un nuovo modo di costruire dialoghi e relazioni.

Qui sta la ragione economica del rilancio del lavoro artigiano; ma la gestione di queste relazioni non è affatto scontata. Il saper fare di matrice artigianale richiede attenzioni particolari: rispetto per l’autonomia e l’identità di chi lavora, curiosità per quello che si può imparare dalla pratica, tempo per rispettare chi impara. Ed è una tipologia di collaborazione, questa, che ha un suo specifico rispetto a quello che propongono i manuali tradizionali di management o le guide di ebusiness.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18896

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.